Prev Next

OPO Veneto, per i funghi coltivati richiesta sostenuta e quotazioni stabili

funghi_venetoLa richiesta di funghi coltivati è sempre sostenuta, le quotazioni sono stabili e si sta registrando un notevole interesse da parte di operatori stranieri, in particolare del Nord Europa: è questa, molto in sintesi, la fotografia che fa del settore  OPO Veneto, che è riferimento commerciale di aziende tra le più affermate sotto il profilo della qualità. La produzione è tendenzialmente in lievitazione e le prospettive sono interessanti. Ci sono tutte le condizioni per un ulteriore rafforzamento del settore, rileva Marco Nadai, titolare dell'azienda Menin Funghi di Tisoi, alle porte di Belluno, vicepresidente di OPO Veneto. I fungicoltori veneti si distinguono per la qualità del prodotto e per le tecniche di lavorazione che sono all'avanguardia. La metà circa  dei funghi coltivati in Italia  proviene dal Veneto, dove le coltivazioni sono sparse un po' in tutte le province: una più sensibile concentrazione si ha in provincia di Treviso. Le potenzialità di crescita si deducano dai dati relativi al settore: le quantità consumate risultano ben superiori alla attuale produzione nazionale. Sta inoltre crescendo la presenza dei funghi italiani sui mercati esteri; in particolare buone richieste vengono dai paesi del Nord Europa. Il fungo coltivato, sottolinea Giovanni Bragagia, azienda  trevigiana di Villorba (Treviso), socia OPO Veneto,  ha avuto un leggero rallentamento con l'arrivo di quelli spontanei, ma si  è quasi subito ripreso, con un andamento regolare. Il prodotto di qualità è sempre richiesto,  commenta Raffaella Lucato della “Società agricola Mancon” di Francesco, Luigi e Daniele Mancon, di Loreggia (Padova), soci OPO Veneto, mentre le quotazioni si mantengono su posizioni che si possono considerare buone. Sta andando bene, sottolinea, anche all'estero la sbrisa, il pleurotus ostreatus, impiegata in particolare  nelle grigliate, alle quali dà sapore e colore. A proposito di questo fungo per iniziativa di OPO Veneto  si sta avviando un progetto di ricerca e sperimentazione a livello nazionale finalizzato a ottimizzarne la coltivazione e la commercializzazione. E' comunque sempre il prataiolo, lo champignon, il re dei funghi coltivati e consumati. Si collocano bene, inoltre,  i pioppini o piopparelli.
Angelo Squizzato
7_menin_dsc_0840
3_produzione4_chiodini

Le confezioni sono accompagnate da schede prodotto con simpatiche ricette.

Confezioni della Società Agricola Mancon, socia OPO Veneto, corredate da schede prodotto con simpatiche ricette.

Scopri le nuove ricette sui funghi Pleurotus

Condividi su

I commenti sono chiusi