Prev Next

OPO Veneto, i funghi coltivati promettono bene

La stagione dei funghi è partita col il piede giusto. Le temperature elevate  sino a quasi tutto settembre non ne hanno fermato i consumi, come si temeva. C'è stato un graduale risvegliarsi della domanda che si sta accentuando con l'inizio dell'autunno. Il prodotto che proviene dalle aziende, sottolineano a OPO Veneto, è bello, sano e buono, e il mercato sta dando soddisfazione, per cui ci sono le premesse per uno scenario positivo. Commenta  Raffaella Lucato, “Società agricola Mancon”, di Loreggia, in provincia di Padova, azienda socia di O.P.O. Veneto: “Quest'anno abbiamo ricevuto richieste già dalla seconda settimana di agosto. Come sempre i funghi di buona qualità e pezzatura remunerano il lavoro fatto.  Il mercato dei funghi in Italia sta vivendo un bel momento. E' un prodotto che porta con sé i colori e i sapori dell'autunno, di conseguenza si consuma maggiormente a temperature più fresche, ma la richiesta del prodotto da settembre a marzo rimane comunque alta”. In Italia i consumi sono ancora ridotti rispetto ad altri Paesi, ed anche per questo le potenzialità del settore sono notevoli. Ecco perché OPO Veneto con le aziende socie si sta impegnando per presentare i funghi coltivati con packaging accattivanti, ecosostenibili  e pratici, che attirino il consumatore e facilitino le modalità di consumo. Si sta lavorando, inoltre sul fronte della comunicazione e della valorizzazione  del prodotto,  sulla sua origine e identità. Funghi certificati e quindi sicuri sul piano della qualità, della bontà, della provenienza.  Una garanzia per i consumatori. Più della metà dei funghi coltivati in Italia arriva dal Veneto, dove si trovano le imprese  con processi produttivi, impianti e tecnologia tra i più avanzati in assoluto. La produzione da alcuni anni è sostanzialmente stabile: nello scorso anno, dato Istat, è stata nel Veneto di 325.430 quintali. Prevalgono i funghi champignon, che sono sempre in testa per coltivazione e consumo: seguono i pleurotus e i pioppini.
Angelo Squizzato
Scopri le ricette

Condividi su

Nessun commento ancora

Lascia un commento