Prev Next

In crescita la richiesta di funghi coltivati. OPO Veneto: anche i prezzi in movimento

freschissimi_venetoPiù della metà dei funghi coltivati in Italia (oltre 70 mila tonnellate) proviene dal Veneto, dove sono arrivati con gli emigrati che tornavano dalla Francia. Menin_Marco_(1)Le coltivazioni sono sparse un po' in tutto il Veneto, in particolare nel Trevigiano, nel Vicentino e nel Padovano. Con il progressivo abbassamento delle temperature il mercato e i consumi si sono animati e le quotazioni potrebbero beneficiare di questo. E' quanto si rileva a OPO Veneto e viene confermato dai coltivatori. Marco Nadai, titolare dell'azienda Menin Funghi di Tisoi, alle porte di Belluno, vicepresidente di OPO Veneto: “Dall'estero arriva meno prodotto e quindi la richiesta interna è più sostenuta, in particolare per i funghi destinati all'industria della trasformazione e conservazione. Situazione in movimento per lo stesso prodotto fresco. Tutto fa pensare quindi che si stiano creando i presupposti anche per un risveglio dei prezzi”. La coltivazione di funghi nel Veneto cominciò negli anni Cinquanta del secolo scorso. Si partì con il prataiolo, il re dei funghi coltivati, comunemente chiamato champignon, parola francese che significa di campagna o campagnolo. E' tuttora il fungo in assoluto più popolare e consumato. mancon francescoE' riconoscibilissimo per il colore bianco, ha poche calorie e tanta vitamina. Ottimo nelle diete dimagranti. Ci sono quindi i Pleurotus, chiamati con diversi nomi: sbrise, in particolare nel Veneto, poi orecchioni, geloni. Piacciono molto anche i pioppini o piopparelli. Il padre Francesco con i fratelli Luigi e Daniele Mancon, “Società agricola Mancon” di Loreggia, in provincia di Padova, produttori in particolare di pleurotus e di pioppini, sono convinti delle potenzialità del settore: ci sono condizioni favorevoli di ulteriore sviluppo anche per l'export: segnali positivi arrivano dal Nord e dall'Est Europa. In Italia il consumo annuo di funghi coltivati è piuttosto basso: si è appena sui 2,5 chili a testa. In Olanda, Francia, Gran Bretagna si superano i 3,5 chili a testa. Il 70 per cento dei funghi coltivati è consumato fresco, il restante finisce all'industria di trasformazione e conservazione.
Angelo Squizzato

Foto: La raccolta dei funghi Champignon nell'azienda Menin di Tisoi (BL), associata OPO Veneto.
Marco Nadai, azienda Menin Funghi, vicepresidente OPO Veneto.
Francesco Mancon, Società agricola Mancon, socio OPO Veneto.

cestino Mancon

45_funghi

menin particolare

premezzemolo_bianco

Condividi su

I commenti sono chiusi